FisioLab Tavarnelle
Via Roma - 390
Tavarnelle (FI)

+ (39) 388 1693491
Orario
  • LUN e VEN15:00-19:30
  • MAR e GIO09:00-12:30
  •          14:30-19:30
FisioLab 2.0 Tavarnuzze
Via Imprunetana per T. - 231/A
Tavarnuzze (FI)

+ (39) 327 9009905
Orario
  • LUN - VEN09:00-12:30
  •          14:30-19:30

Il Pilates: ci vuole costanza nell’allenamento ma porta a tanti benefici

Il metodo Pilates, più comunemente detto Pilates, nasce dalla mente di Joseph Pilates che ha ideato questo sistema di allenamento per tutto il corpo.
Tra i suoi pilastri fondamentali troviamo: la respirazione, il controllo, l’equilibrio e la mobilità, tutte caratteristiche estremamente utili per il wellness di chi tiene al proprio corpo.Read More

Chi è il vero Fisioterapista? La fisioterapia è detraibile? Due domande un’unica risposta

Ancora oggi i sedicenti fisioterapisti ma in realtà abusivi sono tantissimi. Come fare allora a riconoscere se la persona che avete difronte è un vero fisioterapista? La cosa più semplice è controllare se all’interno dello studio è presente o meno la laurea in fisioterapia; questa deve essere esposta per legge. E sì esiste un’ università di fisioterapia che ogni anno seleziona tramite il temuto test di ammissione (a Settembre 2019 il prossimo) migliaia di studenti, i quali, preparandosi sui gettonatissimi Alpha test per fisioterapia, andranno a sostenere almeno tre anni di studi e di tirocini pratici. Questo per sottolineare come non esiste altro percorso qualificante oltre alla laurea.
Nessun possessore di altro titolo (Massaggiatore, Osteopata, Chiropratico, ecc.) può effettuare trattamenti per il recupero della piena salute a meno che non sia in possesso anche di titolo di Medico o Fisioterapista.
Altra strategia per verificare la veridicità del professionista è avere la fattura di fine trattamento rilasciata come prestazione sanitaria, quindi senza IVA e ovviamente detraibile come qualsiasi altra spesa sanitaria.
Al di là della detraibilità della fattura, l’ aspetto fondamentale è che chi vi sta curando sia una persona qualificata per la sicurezza della vostra salute: quindi non vi affidate a diplomi e attestati di corsi vari, cercate o richiedete la laurea rilasciata da “Università degli studi …” visto che per legge è un diritto del paziente poterla consultare.
Inoltre, novità di quest’anno, è possibile consultare il sito internet dell’ordine dei fisioterapisti (https://webiscritti.tsrmweb.it/Public/RicercaIscritti.aspx) che è assoluto organo garante del regolare possesso e utilizzo del titolo di Dottore in Fisioterapia.
Purtroppo si registrano molti casi di danni arrecati a soggetti con patologie o problematiche che possono peggiorare nel tempo (come scoliosi o artrosi) o che si presentano in forma più acuta (come mal di schiena o cervicalgia). Come se non bastasse, chi non è un vero fisioterapista, nel caso di danno arrecato a carico del paziente, non è nemmeno coperta da un’assicurazione e quindi anche un eventuale indennizzo diventa assai complesso; oltre al danno la beffa.
Scegli con cura da chi farti valutare.

Artrosi: correre non è più tra le cause anzi.. La scienza, di casa a FisioLab 2.0, ti spiega tutto

Chi non ha mai sofferto o parlato con qualcuno che ha sofferto di problemi legati all’artrosi? Praticamente nessuno.
Infatti l’artrosi o osteoartrosi è la causa più comune di disabilità negli adulti e si stima che nel 2040 il 26% della popolazione potrebbe essere affetto da questa problematica.
Negli anni diversi studi hanno cercato di spiegare come carichi ripetuti, come la corsa, possano determinare l’artrosi a livello delle articolazioni più stressate: vedi ginocchia e anche. Biomeccanicamente sembra molto intuitivo che carichi ripetitivi, per lunghe distanze, per molti anni, tipici di chi corre, possano favorire il deterioramento delle strutture articolari. In verità non si era mai giunti ad una conclusione certa in quanto contemporaneamente altri articoli sostenevano la non associazione tra corsa e artrosi o addirittura un’associazione inversa e quindi che correre prevenisse lo sviluppo di artrosi.

Read More

Do the Lions recover like humans? Yes Zlatan, they do.

Zlatan Ibrahimovic parlava così il 18/11 con Paul Pogba in seguito al rientro “lampo” dopo l’infortunio al legamento crociato anteriore e posteriore patito lo scorso Aprile (qui un breve estratto dell’intervista http://video.gazzetta.it/ibrahimovic-leoni-recuperano-prima-uomini/f9d202fc-cc9c-11e7-b843-84a934f19088).
Per chi non conoscesse Zlatan Ibrahimovic, attaccante fortissimo con 36 primavere alle spalle attualmente in forza al Manchester United, questa altro non  è che una delle sue perle di umiltà, che soprattutto negli ultimi anni si è prodigato a tirar fuori.
Sabato 30/12, al 18 minuto di Manchester United – Southampton il ginocchio operato di Ibrahimovic  cede nuovamente.

Read More

SMARTPHONE E DOLORI AL COLLO: FANTASCIENZA O REALTA’?

Nella nostra epoca, oramai quasi tutti possiedono uno smartphone. Non sono solo i giovanissimi immersi nel mondo dei social a “spippolare” continuamente al telefono, ma anche mamme, babbi e nonni, sono tutti dotati di questi apparecchi tecnologici.

Vi sarà capitato di sentire riprendere un figlio o il compagno , o forse pensare voi stessi frasi del tipo “tira su quella testa!! Non stare curvo perché poi ti viene la cervicale!!”.

Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza, come nostro consueto, avvalendoci degli ultimi studi scientifici pubblicati.

Read More

Le complicanze delle lesioni muscolari

Le lesioni muscolari rappresentano una problematica molto frequenti nello sport e la loro incidenza varia fra il 10 ed il 55% di tutti i traumi da sport ed è una tipologia di infortunio che nasconde non poche insidie sia per il soggetto colpito, sia per il personale sanitario che se ne deve occupare.
In primis, vi è ancora poca chiarezza da parte dei non addetti ai lavori nel differenziare quella che si può considerare a tutti gli effetti una lesione muscolare (e darvi di conseguenza un nome…) da quella che in realtà non lo è (es. sovraccarico/contrattura). E in verità , numerosi studi degli anni 90 a riguardo, hanno portato a classificazioni diverse fra loro tali per cui anche i professionisti sanitari , tuttora, possono trovarsi ad “incespicare” nell’uso del termine corretto o meno.
Quel che è certo è che quando abbiamo una lesione (e qua la semantica ci aiuta) muscolare abbiamo di sicuro una interruzione (grande o piccola che sia) della struttura muscolare stessa.
L’esame clinico (unito al racconto del paziente) in questi casi permette già di supporre(o escludere) la presenza di una lesione; tuttavia gli esami strumentali , alcuni di questi operatori-dipendenti , rischiano di non confermare in maniera assoluta (o addirittura fuorviare) una ipotesi diagnostica. 

Read More

“Mamma perché mi fa male il ginocchio?”: vi parliamo della sindrome di Osgood-Schlatter

Oggi affronteremo un argomento molto interessante parlandovi di una problematica molto diffusa. Non lasciamoci però fuorviare dal titolo, volutamente accattivante non solo per il particolare nome ma anche per le caratteristiche specifiche della patologia che vi introdurremo; le cause di dolore al ginocchio di un bambino possono essere molteplici, e vanno perciò valutate con l’aiuto di un professionista del campo sanitario.

Read More

Il Mal di Testa che parte dal collo? Ci pensa il Fisioterapista!

Quante persone si lamentano di dolore alla testa ? Quante volte il mal di testa costringe a smettere di fare quello che si vuole? Quante domande ci facciamo sul motivo di tale problematica? La risposta a queste domande è sempre la stessa “Tante o forse troppe..”. In questo articolo vogliamo affrontare il problema molto diffuso del così detto mal di testa legato a problematiche riguardanti il rachide cervicale, scientificamente definito come cefalea cervicogenica (CEH).

Read More

Un tendine della spalla si è rotto! Mi opero o no? Ti risponde FisioLab 2.0!

Questa potrebbe essere una domanda che risuona nella mente di molte persone, infatti oggigiorno il dolore alla spalla è una problematica molto diffusa che diventa più frequente con l’avanzare dell’età, ma è estremamente presente anche nei giovani sportivi/e che praticano attività fisica dove gli arti superiori sono maggiormente coinvolti. Molte volte vengono fatte diagnosi approssimative e di conseguenza anche i trattamenti (farmaci, infiltrazioni, interventi chirurgici ma anche “protocolli riabilitativi”) risultano spesso inefficaci. Tutto questo determina numerosi malcontenti e un grande caos con informazioni contraddittorie che circolano sia attraverso il passa parola che attraverso il web.

Quindi cosa è meglio fare? Chi si deve interpellare per avere una diagnosi corretta? A quali trattamenti è meglio sottoporsi? Facciamo chiarezza.

Read More

Nuovo infortunio al ginocchio per Milik: è davvero solo sfortuna?

In questa settimana è rimbalzata un po’ ovunque la notizia del nuovo infortunio per l’attaccante
del Napoli Arek Milik, classe 1994, rientrato da pochi mesi dall’intervento occorso nella scorsa
stagione al ginocchio destro.
Su tutte le agenzie di stampe e sui social si sentono le teorie più disparate, da esperti e finti
esperti del settore, c’è chi parla di macumba, c’è chi parla di fattori genetici, insomma chi più ne
ha più ne metta.

 

Read More