FisioLab Tavarnelle
Via Roma - 390
Tavarnelle (FI)

+ (39) 388 1693491
Orario
  • LUN e VEN15:00-19:30
  • MAR e GIO09:00-12:30
  •          14:30-19:30
FisioLab 2.0 Tavarnuzze
Via Imprunetana per T. - 231/A
Tavarnuzze (FI)

+ (39) 327 9009905
Orario
  • LUN - VEN09:00-12:30
  •          14:30-19:30
Riabilitazione sportiva Fisiolab

Il ruolo del movimento nel ridurre l’infiammazione

Da sempre anche noi di FisioLab abbiamo sostenuto la capacità del movimento e degli esercizi di combattere dolore ed infiammazione. Purtroppo, molte volte, si è portati a pensare esattamente il contrario per credenze, opinioni e paure sbagliate e antiquate. Ancora una volta siamo a ribadire l’importanza di cambiare queste idee, guidati dalle nuove scoperte scientifiche come nel caso dell’ articolo di cui parleremo di seguito.

Traduzione da: https://www.livescience.com/59988-exercise-fights-inflammation.html?utm_source=twitter&utm_medium=social#?utm_source=twitter&utm_medium=social&utm_campaign=2016twitterdlvrit

 

Dal jogging al sollevamento pesi, l’attività fisica è comunque positiva, anche perché aiuta il tuo corpo a combattere l’infiammazione. Ora, un nuovo studio, spiega esattamente come agisce l’esercizio nel ridurre l’infiammazione e mette un’ulteriore pietra sull’idea che il riposo, lo stare fermi, il portare ortesi o fasciature sia sempre di aiuto per la risoluzione. L’infiammazione è una strategia che il corpo utilizza per guarire dopo un infortunio e proteggersi dalle infezioni e quindi è un processo fisiologico che è giusto che ci sia; in alcune situazioni l’infiammazione diventa cronica pin quanto può essere legata a tanti tipi di malattie, dal diabete alle malattie cardiache.

 

 

Quando si compie un’attività fisica le cellule muscolari rilasciano una piccola proteina chiamata Interleukina 6 o IL-6, che sembra svolgere un ruolo importante nella lotta contro l’infiammazione. IL-6 ha diversi effetti antinfiammatori, tra cui:

-Abbassa i livelli di una proteina chiamata TNF alpha, che innesca l’infiammazione nell’ organismo.

-Inibisce degli effetti di segnalazione di una proteina chiamata interleuchina 1 beta, che innesca processi infiammatori che possono danneggiare le cellule del pancreas che producono l’insulina. 

Nel nuovo studio hanno indagato il ruolo dell’ IL-6 nel ridurre l’infiammazione. I ricercatori hanno iniettato i partecipanti con una molecola di batteri E. coli, noto per la capacità di attivare la risposta infiammatoria del corpo; in questo studio è stato riscontrato un aumento di due/tre volte nei livelli della TNF alfa, una proteina che provoca l’infiammazione. Ma se i partecipanti effettuavano 3 ore di cyclette prima dell’iniezione veniva rilevato un aumento dei loro livelli di IL-6 e non era presente un simile aumento di TNF alfa.

Il fattore più importante che contribuisce al rilascio di IL-6 nei muscoli è la durata della tua attività fisica. Più dura il tuo movimento, più IL-6 viene rilasciata secondo la ricerca in questione. Ad esempio, dopo un allenamento di 30 minuti, i livelli di IL-6 possono aumentare cinque volte, ma dopo una maratona, i livelli possono aumentare anche di 100 volte.  Il livello di IL-6 raggiunge il picco poco dopo il momento in cui si finisce un allenamento e quindi si riduce rapidamente ai livelli di pre-esercizio. La revisione conclude che l’esercizio deve essere utilizzato come parte del trattamento per malattie croniche che coinvolgono l’infiammazione.

“L’attività fisica rappresenta una potente e naturale strategia anti-infiamamtoria capace di migliorare il metabolismo con effetti collaterali minimi e dovrebbe essere integrata nella gestione di pazienti con malattie croniche” come il diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari.

Luca Morandini Fisioterapista

 

La revisione è stata pubblicata il 19 luglio nella European Journal of Clinical Investigation.

 

 

Bibliografia: 

-http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/eci.12781/epdf

Questo sito web utilizza i cookie, anche di terze parti, al fine di migliorarne l'esperienza di utilizzo. Cliccando su accetto l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la nostra informativa estesa: Informativa Privacy e Cookie

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi