FisioLab Tavarnelle
Via Roma - 390
Tavarnelle (FI)

+ (39) 388 1693491
Orario
  • LUN e VEN15:00-19:30
  • MAR e GIO09:00-12:30
  •          14:30-19:30
FisioLab 2.0 Tavarnuzze
Via Imprunetana per T. - 231/A
Tavarnuzze (FI)

+ (39) 327 9009905
Orario
  • LUN - VEN09:00-12:30
  •          14:30-19:30

Lesioni dei flessori di ginocchio. Bolt sei uno dei tanti.

I recenti eventi che hanno visto lo sfortunato Usain Bolt infortunarsi nella sua ultima apparizione in una competizione di atletica leggera (ovvero la finale della staffetta 4×100 con la sua Jamaica ai Campionati Mondiali a Londra), ha fatto sì che si risvegliasse l’attenzione, mai assopita, per le lesioni muscolari degli Hamstring.

Prendendo spunto da un’articolo comparso sul Blog del British Journal of Sport Medicine (http://blogs.bmj.com/bjsm/2016/12/12/need-know-hamstring-injuries-prevent-hamstring-hero-kristian-thorborg/), vi proponiamo un quadro sintetico sullo stato dell’arte a riguardo di questo argomento e un VIDEO con un bellissimo contenuto.

Le lesioni degli Hamstring (ovvero i muscoli posteriori della coscia, detti anche ischiocrurali o flessori di ginocchio) sono traumi muscolari comuni nell’atletica, nel calcio, nel rugby e nel football australiano, tutti sport che comportano l’esecuzione di scatti di corsa, con accelerazioni e decelerazioni improvvise. Queste attività aumentano le forze eccentriche all’interno dei muscoli flessori, incrementando di conseguenza la probabilità di lesioni.Il capo lungo del bicipite femorale (CLBF), uno dei quattro muscoli che compongono i flessori, risulta essere particolarmente vulnerabile a questo tipo di infortuni, arrivando a rappresentare l’80% delle lesioni in questa regione. Negli sport come il calcio e il rugby, fino all’80% delle lesioni del CLBF sono dovute alla corsa ad alta velocità. Le grandi variazioni di lunghezza dell’unità muscolo-tendine a velocità molto elevate sono probabilmente un fattore contribuente. Inoltre l’età, la debolezza eccentrica del muscolo, una capacità ridotta di allungamento, un’eccessiva forza del quadricipite e lesioni precedenti sono fattori di rischio già conosciuti all’interno della letteratura della medicina dello sport. Discorso differente per le lesioni dei muscoli flessori mediali, in quanto queste sembrano essere causate dallo stiramento del muscolo agli estremi del suo range di movimento, come spesso accade nella danza, nella ginnastica artistica o nel tennis ad esempio. I motivi di queste discrepanze tra le diverse aree di lesioni dei flessori rimangono ancora poco chiari, nonostante un crescente numero di prove.

Ci sono prove scientifiche promettenti che indicano che l’incidenza delle lesioni può essere minimizzata. Gli esercizi denominati Nordic Hamstring risultano essere efficaci per prevenire le lesioni dei muscoli flessori. Le evidenze scientifiche ad oggi disponibili indicano la forza eccentrica degli ischiocrurali come la misura preventiva più efficace nel calcio. Ad esempio, quando gli esercizi Nordic Hamstring sono stati utilizzati da calciatori maschi sia professionisti che amatoriali, le lesioni acute dei flessori sono state ridotte del 70% . Il modo migliore per prevenire le lesioni dei flessori dovute alla corsa ad alta velocità è migliorare le capacità muscolare. Ciò può essere ottenuto incrementando la tolleranza eccentrica ad elevati carichi sia come volume che come intensità e incrementando la capacità di allungamento. I miglioramenti nella capacità di forza eccentrica sono associati ad una maggiore capacità di dissipare le elevate forze presenti durante gli sprint. Il meccanismo più potente per incrementare la capacità muscolare (e quindi ridurre la probabilità di una lesione) è rappresentato dagli esercizi che aumentano la forza eccentrica e la lunghezza del CLBF.

Nonostante l’aumento delle conoscenze e la chiarezza delle evidenze scientifiche, il numero di lesioni, anche a livello professionistico, rimane elevato; infatti uno studio danese ha evidenziato come in una stagione calcistica si verifichino almeno tre episodi per squadra, con stessa frequenza in entrambe i sessi.

Come già ampiamente discusso sopra, ci sono forti evidenze a sostegno dell’efficacia dei programmi di prevenzione, ma spesso vengono adottati programmi di prevenzione che non seguono le prove scientifiche oppure spesso l’adesione al programma è molto bassa, facendo sì che il numero di infortuni rimanga comunque elevato.

Se volessimo riassumere in poche parole quanto detto fin ora, chi ha una muscolatura debole e corta è ad alto rischio di infortunio per i flessori di ginocchio, mentre chi ha una muscolatura forte e allungabile ha un ridotto rischio di infortunio. Un programma di prevenzione, calibrato dopo un’accurata valutazione effettuata da personale qualificato, ha il potere ridurre il rischio di infortunio e di recidive a livello dei flessori di ginocchio.

 

Luca Morandini Fisioterapista

 

Ecco un esempio di esercizio da inserire in un programma di prevenzione:

Bibliografia:

  1. Opar D, Drezner J, Shield A, et al. Acute hamstring strain injury in track‐and‐field athletes: A 3‐year observational study at the Penn Relay Carnival. Scand J Med Sci Sports. 2014;24(4):254-259.
  2. Timmins R, Bourne M, Shield A, Williams M, Lorenzen C, Opar D. Short biceps femoris fascicles and eccentric knee flexor weakness increase the risk of hamstring injury in elite football (soccer): a prospective cohort study. Br J Sports Med. December 16, 2015 2015.
  3. Petersen J, Thorborg K, Nielsen M, Hölmich P. Acute hamstring injuries in Danish elite football: a 12‐month prospective registration study among 374 players. Scand J Med Sci Sports. 2010;20(4):588-592.
  4. Bourne M, Opar D, Williams M, Shield A. Eccentric knee flexor strength and risk of hamstring injuries in rugby union: A prospective study. Am J Sports Med. September 2, 2015 2015.
  5. Opar D, Williams M, Timmins R, Hickey J, Duhig S, Shield A. Eccentric hamstring strength and hamstring injury risk in Australian footballers. Med Sci Sports Exerc. 2014;46.
  6. Ekstrand J, Waldén M, Hägglund M. Hamstring injuries have increased by 4% annually in men’s professional football, since 2001: a 13-year longitudinal analysis of the UEFA Elite Club injury study. Br J Sports Med. January 8, 2016 2016.
  7. Liu H, Garrett W, Moorman C, Yu B. Injury rate, mechanism, and risk factors of hamstring strain injuries in sports: A review of the literature. Journal of Sport and Health Science. 9// 2012;1(2):92-101.
  8. Askling C, Tengvar M, Saartok T, Thorstensson A. Proximal Hamstring Strains of Stretching Type in Different Sports Injury Situations, Clinical and Magnetic Resonance Imaging Characteristics, and Return to Sport. Am J Sports Med. 2008;36(9):1799-1804.
  9. Bourne M, Opar D, Williams M, Al Najjar A, Shield A. Muscle activation patterns in the Nordic hamstring exercise: Impact of prior strain injury. Scand J Med Sci Sports. 2015.
  10. Tol J, Hamilton B, Eirale C, Muxart P, Jacobsen P, Whiteley R. At return to play following hamstring injury the majority of professional football players have residual isokinetic deficits. Br J Sports Med. 2014;48(18):1364-1369.
  11. Petersen J, Thorborg K, Nielsen MB, Budtz-Jørgensen E, Hölmich P. Preventive effect of eccentric training on acute hamstring injuries in men’s soccer. Am J Sports Med. November 1, 2011 2011;39(11):2296-2303.
  12. Presland J, Timmins R, Opar D. The effect of high or low volume Nordic hamstring exercise training on biceps femoris long head architectural adaptations.; 2016.
  13. Hägglund M, Waldén M, Ekstrand J. Injuries among male and female elite football players. Scand J Med Sci Sports. 2009;19(6):819-827.
  14. Bahr R, Thorborg K, Ekstrand J. Evidence-based hamstring injury prevention is not adopted by the majority of Champions League or Norwegian Premier League football teams: the Nordic Hamstring survey. Br J Sports Med. May 20, 2015 2015.

 

Questo sito web utilizza i cookie, anche di terze parti, al fine di migliorarne l'esperienza di utilizzo. Cliccando su accetto l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni consulta la nostra informativa estesa: Informativa Privacy e Cookie

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi