FisioLab Tavarnelle
Via Roma - 390
Tavarnelle (FI)

+ (39) 388 1693491
Orario
  • LUN e VEN15:00-19:30
  • MAR e GIO09:00-12:30
  •          14:30-19:30
FisioLab 2.0 Tavarnuzze
Via Imprunetana per T. - 231/A
Tavarnuzze (FI)

+ (39) 327 9009905
Orario
  • LUN - VEN09:00-12:30
  •          14:30-19:30

Ricomincia il campionato di serie A, ricominciano gli infortuni di rottura del crociato anteriore

Giorgio Chiellini è tra gli sfortunati più illustri, ma di calciatori che hanno subito questo infortunio da quando è ripartito il calendario della Serie A ne potremmo elencare diversi.
Un infortunio che fa notizia vista la lunga assenza dalle partite e fa pure fake news, si veda il caso Piatek dell’ anno scorso con momentaneo panico del mondo del fantacalcio, ma che ancora oggi non è gestito in maniera adeguata: infatti è stato evidenziato che i criteri di via libera al ritorno all’attività sportiva, adottati dalla maggior parte dei clinici, non sono in grado di ridurre il rischio di un successivo reinfortunio.

Non sono un’eccezione gli episodi di reinfortunio proprio nei calciatori di Serie A, nonostante abbiano acceso alle migliori cure e migliori strutture. Sicuramente i professionisti non sono un buon esempio da comparare con la popolazione generale, ma fa molto riflettere che anche quest’ultimi vadano incontro alle difficoltà di una qualunque altra persona.
Quello che è venuto fuori da un recente studio è che se da una parte i criteri di ritorno allo sport praticato sono in grado di ridurre il rischio di reinfortunio al ginocchio operato del 60%, vi è un aumento del 235% di rottura del crociato anteriore nel ginocchio opposto, cioè quello sano.
Questo presuppone ovviamente sia di modificare le indicazioni che si danno ai pazienti rispetto al ritorno allo sport, sia i percorsi riabilitativi che si effettuano dopo l’intervento di crociato anteriore.

Altro dato interessante è che nella popolazione generale il 91% circa auspica a tornare al livello sportivo precedente all’infortunio, ma soltanto il 65% lo fa realmente: questo è dovuto in parte al fatto che in molti percorsi riabilitativi si tiene conto solo dell’aspetto prettamente muscolare, non considerando o non essendo in grado di gestire gli aspetti psico-sociali dell’infortunio.
Cerca tra i nostri articoli per sapere di più su questo argomento.

Bibliografia:
1. What is the Evidence for and Validity of Return-to-Sport Testing after Anterior Cruciate Ligament Reconstruction Surgery? A Systematic Review and Meta-Analysis.
Webster KE1, Hewett TE2,3,4,5.
2. Knee Surg Sports Traumatol Arthrosc. 2016 Jan;24(1):201-7. doi: 10.1007/s00167-014-3364-z. Epub 2014 Oct 2.
Patient expectations of primary and revision anterior cruciate ligament reconstruction.
Feucht MJ1,2, Cotic M3, Saier T3,4, Minzlaff P3, Plath JE3,5, Imhoff AB3, Hinterwimmer S3,6.